Come è sicuro morire Cloud davvero?

(Tempo di lettura stimato: 4 - 7 minuti)
Ralf Riethmuller

Ralf Riethmuller

Dirige il reparto servizi di KUMAVISION. In questo ruolo, l'esperto di tecnologia è anche responsabile di Cloud, Team e ufficio 365

Scalabilità, flessibilità ed efficienza dei costi: il Cloud-La tecnologia offre molti vantaggi. Ma per quanto riguarda la sicurezza? Quanto sono affidabili i dati aziendali sensibili? Cloud effettivamente protetto?

Ci sono molti miti a riguardo Cloud-Sicurezza. In questo articolo andiamo a fondo dei pregiudizi e mostriamo quali sono le funzioni predominanti CloudProvider come Microsoft Azure si sono sviluppati per proteggere i tuoi dati XNUMX ore su XNUMX, XNUMX giorni su XNUMX.

Perché la casa non è il posto più sicuro

Gli esperti concordano: il Cloud è spesso più sicura delle tradizionali infrastrutture locali. Tuttavia, molte persone lo mantengono Cloud troppo rischioso. Il server nell'edificio della vostra azienda sembra essere una soluzione più sicura. E questo è comprensibile. Perché è una bella sensazione sapere che i dati sensibili sono archiviati nel tuo seminterrato invece che in un'altra azienda a centinaia di chilometri di distanza.

Tuttavia, questo è un errore. Perché ai criminali informatici non interessa dove si trova il server. L'unica cosa importante è quanto bene è protetto il rispettivo sistema. E questo richiede molto tempo, know-how, personale e denaro. Pertanto, quando si tratta di sicurezza informatica, sono spesso le piccole e medie imprese a rimanere indietro. Infine, con risorse limitate, è difficile rispondere adeguatamente a minacce quali malware, phishing e ingegneria sociale. Quindi che si fa?

La sicurezza nelle mani degli esperti

Cloud-I fornitori come Microsoft investono molto nella sicurezza per proteggere i dati e le applicazioni dei propri clienti. Un altro vantaggio: dispongono di un ampio team di esperti di sicurezza dedicati esclusivamente alla prevenzione delle minacce e al miglioramento della sicurezza. Le aziende ricevono soluzioni di sicurezza di prima classe senza dover sostenere solo i costi.

Ne vale la pena. Secondo gli studi, le aziende che utilizzano Software-as-a-Service (SaaS) possono ridurre le violazioni della sicurezza fino all’80%. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le soluzioni SaaS sono sempre aggiornate e quindi sicure. I fornitori di piattaforme SaaS si assumono la regolare manutenzione e aggiornamento del software. Ciò garantisce che potenziali vulnerabilità e minacce possano essere rapidamente identificate ed evitate. I sistemi locali, invece, hanno cicli di aggiornamento troppo lunghi a causa del complesso processo di aggiornamento. Il software di sicurezza viene quindi aggiornato solo nell'ambito dei normali processi di manutenzione. Le funzioni più recenti non sono quindi disponibili. Ciò può avere gravi conseguenze. Perché la sicurezza è sempre una gara tra aggressori e difensori. E se non mantieni aggiornata la tua tecnologia, ci rimetti.

Ecco come Microsoft protegge le tue applicazioni e i tuoi dati

Microsoft Azure è uno dei più affidabili Cloudpiattaforme in tutto il mondo. Offre più di 200 servizi e funzionalità di sicurezza integrati e ha un'impressionante esperienza nella fornitura di servizi sicuri Cloud-Servizi per aziende di ogni dimensione.

  • firewall: Microsoft utilizza i firewall per monitorare il traffico dati e bloccare l'accesso non autorizzato.
  • Crittografia: I dati vengono crittografati a vari livelli sia a riposo che in transito. Ciò garantisce che anche in caso di incidente di sicurezza o di accesso non autorizzato i dati rimangano illeggibili per terzi.
  • Controllo di accesso: Il controllo degli accessi basato sui ruoli (RBAC) e l'autenticazione a più fattori (MFA) garantiscono che solo gli utenti autorizzati possano accedere ai dati sensibili.
  • backup: Microsoft crea regolarmente copie di backup per consentire il ripristino in caso di perdita o danneggiamento dei dati.
  • Protezione da virus e malware: Varie Meccanismi di protezione utilizzati per rilevare e bloccare software dannoso.
  • Gestione dell'identità e degli accessi: Gestisci rigorosamente le identità degli utenti e i diritti di accesso per garantire che solo gli utenti autorizzati possano accedere alle risorse.
  • attualità: Microsoft si assume la responsabilità dell'aggiornamento automatico dei sistemi e delle applicazioni in Cloudper colmare le lacune di sicurezza e proteggere il tuo sistema dalle minacce conosciute.
  • Monitoraggio: * Cloud Esiste un monitoraggio continuo in tempo reale per attività sospette. Microsoft utilizza inoltre l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico per rilevare e bloccare tempestivamente potenziali minacce e violazioni della sicurezza.
  • Distributed Denial of Service: Azure dispone di protezione DDoS integrata per proteggere applicazioni e servizi da attacchi di sovraccarico.

Lo sapevate…

... che più di 10.000 esperti di sicurezza di Microsoft analizzano e tengono traccia di oltre 65 trilioni di segnali ogni giorno? Si tratta di oltre 750 miliardi di segnali al secondo.

Fonte: “Rapporto Microsoft sulla difesa digitale 2023”

Non fidarti di nessuno

Gli utenti e i dispositivi all'interno della rete aziendale sono affidabili. Questo era il presupposto fino ad ora. Pertanto, l’obiettivo dei controlli di identità e accesso era principalmente quello di proteggere i confini della rete. Tuttavia, questa architettura non affronta il mondo complesso e interconnesso di oggi, caratterizzato da minacce in continua evoluzione. Il modello Zero Trust adotta quindi un approccio diverso: nessuna entità, né utente né dispositivo, è automaticamente affidabile indipendentemente dalla sua ubicazione. Ciò garantisce che l'accesso alle risorse aziendali non venga concesso esclusivamente in base alla popolarità.

Modello Zero Trust si basa su alcuni principi fondamentali:

  1. Richiedi l'autenticazione: Qualsiasi entità, sia essa un utente, un dispositivo o un'applicazione, deve essere costantemente verificata prima di poter accedere alle risorse.
  2. Prevenire l'uso improprio: Agli utenti e ai sistemi dovrebbero essere concesse solo le autorizzazioni minime necessarie per eseguire le proprie attività.
  3. Mitigare gli impatti: La rete è divisa in segmenti più piccoli e isolati per limitare l'accesso alle risorse.
  4. Monitoraggio e analisi: Le minacce vengono identificate tempestivamente analizzando i file di registro e altre informazioni sulla sicurezza.
  5. Controllo sicuro degli accessi: L'accesso alle applicazioni e ai dati avviene in base a policy che controllano il flusso del traffico, l'autenticazione e l'autorizzazione.

Microsoft ha integrato attivamente il modello Zero Trust nelle sue soluzioni e prodotti di sicurezza, tra cui Microsoft Azure, Microsoft 365 e Azure Active Directory (Azure AD). Servizi come l'accesso condizionale di Azure consentono alle organizzazioni di impostare policy per controllare l'accesso alle applicazioni e ai dati in base a vari fattori come l'identità dell'utente, l'integrità del dispositivo e la posizione. Ciò consente un controllo granulare degli accessi e aumenta la sicurezza.

Microsoft Defender for Identity è un altro componente importante dell'approccio Zero Trust di Microsoft. Questo servizio monitora il comportamento degli utenti e rileva attività sospette che potrebbero indicare minacce interne.

Non è solo la tecnologia che conta

Il malware, sotto forma di virus, trojan, spyware e ransomware, può entrare in un sistema quando un dipendente apre con noncuranza un allegato infetto o fa clic su un collegamento dannoso. Gli attacchi di phishing sono progettati per indurre gli utenti a divulgare informazioni sensibili spacciandosi per persone o organizzazioni affidabili. L’ingegneria sociale, d’altro canto, mira a sfruttare le debolezze umane. Gli aggressori utilizzano l'inganno, la manipolazione o la comunicazione fraudolenta per ottenere informazioni. Si va dalle chiamate false che sembrano provenire dal supporto IT alle e-mail false di dirigenti che richiedono dati sensibili.

La fiducia e la negligenza di un singolo dipendente fanno la differenza tra un attacco riuscito e un tentativo fallito da parte del criminale informatico. La disattenzione o le azioni avventate possono avere conseguenze devastanti in queste situazioni. Ecco perché è fondamentale promuovere una forte consapevolezza della sicurezza all'interno della tua organizzazione. Attività regolari di formazione e sensibilizzazione sono essenziali per rendere i dipendenti consapevoli dei potenziali pericoli e addestrarli a riconoscere e rispondere adeguatamente ad attività sospette. In questo modo il fattore umano può dare un contributo significativo per scongiurare potenziali minacce prima che si verifichino danni.

Cogli le opportunità

Ho preso nota Cloud vi offre l'opportunità di rafforzare la vostra sicurezza, migliorare la reattività e allo stesso tempo risparmiare sui costi. Non lasciare che le preoccupazioni diffuse ti impediscano di sfruttare questa tecnologia. Pertanto, valuta i vantaggi e gli svantaggi e crea fiducia in loro attraverso la formazione Cloud SU. Così puoi stare al sicuro in Cloud lavorare e allo stesso tempo concentrarsi sul proprio core business.

Contatto